Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

venerdì 21 ottobre 2011

CAKE DESIGN AWARD a BRESCIA!!!



Eccomi, lo so sono colpevole di aver trascurato totalmente il blog, negli ultimi mesi!! Ma sono assente giustificata, dalla ripresa frenetica del mio lavoro (eh sì ne ho uno che non riguarda la pasta di zucchero!) e da alcuni eventi di cui vi parlerò tra poco..
Credo sappiate tutti che in Italia ci sono state 3 manifestazioni abbastanza rilevanti che riguardano il CAKE DESIGN, che sta spopolando sulla nostra penisola e non (non volevo dire che io l'avevo predetto già 3 anni fa!) e che si sono susseguite in questi mesi:
-il Cake Design Festival di Milano a maggio, al quale sono stata in visita e dove ho incontrato le mie corrispondenti online, contagiate dalla stessa passione;
-lo Zucchero in Testa, che si è svolto a Brescia (nella mia città) a fine settembre nella splendida cornice dell'Hotel Vittoria;
-il Cake Show di Bologna, recentemente conclusosi sull'onda delle numerosissime critiche e polemiche (anch'io ci sono stata e devo dire che erano pure giustificate!).

Ma ciò su cui voglio dilungarmi è il CAKE DESIGN AWARD, cioè la competizione dal vivo, organizzata nell'ambito dello "Zucchero in testa", secondo evento del 2011, voluto dalle belle ed efficienti Alessandra Franchi e Roberta Pasolini, ed alla quale ho partecipato come concorrente, ...
Ecco il Salone delle Rose dell'Hotel Vittoria, appunto, (la cui costruzione, per chi non è della mia città, risale al Trentennio ed ha bellissimi arredi perfettamente conservati degli anni '30 e '40, e prende il nome dalla Piazza completamente costruita in quegli anni dal Regime, nel centro della città antica), durante gli ultimi ritocchi prima dell'inizio della competizione...

I meravigliosi lampadari d'epoca, in perfetta salute:


Il salone dall'ingresso, il mio tavolo è il primo a destra:


Il Salone verso l'ingresso, qui il mio tavolo è il primo a sinistra:



Vabbè volevo tenervi sulle spine, ma ve lo dico subito: non ho vinto..sigh, ma... l'importante non era partecipare? Vabbè, lasciamo perdere!
La verità è che avevo escluso fino all'ultimo di potervi partecipare, visto la mole di lavoro che mi stava assorbendo 10 ore al giorno, ma Alessandra, gentilissima come sempre, mi ha voluto ugualmente coinvolgere, facendo leva sul mio amor proprio ("ti ho già preparato il tavolo: devi venire!!ahaha")..
Come rifiutare? Sta di fatto che non avevo pensato niente di originale per il tema obbligatorio, l'autunno, e la mia testa oltre che stanca, era una vera e propria zucca vuota  (??).

Passiamo alla descrizione minuto per minuto delle lavorazioni, ma soprattutto degli intoppi! ;-))
Il venerdì mi son fatta fare un cilindro molto alto di polistirolo (la gara era solo sulla decorazione), pensando che l'avrei sfruttato in qualche modo per fare il solito tronco (che fantasia, eh?).
Per discostarmi un po' da un tema che poteva essere già stato scelto dalle altre, sabato ho pensato di realizzare delle fatine (chiaramente, non le avevo mai fatte prima..., trooppo facile!), e studiando un po' nel web, ho inziato a fare delle testine, una grande e 3 piccole...
Per quelle avevo lo stampo fmm da circa 3 anni, mai usato.
Devo dire che è risulta utile per avere una proporzione giusta della testa, nel caso di ripetizioni, ma, per ottenere un effetto soddisfacente, bisogna sempre ritoccare i visi, le espressioni e i connotati a mano, anche per adattare il viso al personaggio che si sta realizzando (lo stampo può servire sia per maschi, femmine, adulti, bambini)...
In ogni caso, il regolamento diceva che si poteva arrivare con il 50% delle decorazioni fatte, ma io purtroppo ho avuto tempo solo per le testine (non sono proprio velocissime!), e non le ho neanche dipinte tutte!
Inoltre la torta avrebbe dovuto essere alta almeno 20 cm con la decorazione (edibile) a tema autunnale.
Per la competizione avevamo 7 ore consecutive, di cui 1 di pausa per il pranzo.

Ho iniziato procedendo a colorare la pdz, fornita dallo sponsor Modecor, e a tagliare e lavorare, a mano le diverse foglie, in modo che avessero il tempo di asciugare nelle ore successive. Non avevo alcun tipo di stampo, nè cutter, nè venatore, perciò il lavoro a mano è stato piuttosto lungo: ho fatto grandi e medie foglie di quercia, platano, ecc..Mi sono aiutata solo con alcune fotografie di foglie autunnali.
Forse ho sottovalutato che per le figure ci vogliono diverse ore per farle bene...
Le braccia e le gambe le ho fatte con la pdz che ci hanno fornito, che pur essendo perfetta come copertura, era troppo molle per modellare, non teneva affatto la forma, come invece la mia, neanche a sdraiare gli arti sul piano di lavoro..Una piccola tragedia che si evince dai piedi della grande che si sono crepati, nel misero tenttivo di riposizionarli continuamente...

Morale mi sono trovata un po' in difficoltà con il tempo, dato i fattori non previsti, che mi hanno impedito di procedere e terminare in anticipo come avrei voluto, oltre che per valutare bene la composizione, per ultimare le fatine..(ne avevo preparate 3, ma senza vestitino...)..
Vabbè alla fine sono riuscita, con una vera corsa da patema a modellare il polistirolo, ricoprire la torta e terminare la decorazione, anche grazie alle organizzatrici, che mi hanno supportato avvertendomi del conto alla rovescia..!!
Comunque è stata una bellissima esperienza, un po' stancante, perchè tra noi concorrenti si è instaurato un ottimo clima di collaborazione (grazie alle mie 2 simpatiche accompagnatrici per il pranzo;-)) e, cosa ancora più sorprendente, il pubblico che si aggirava per i saloni, ha sostato incuriosito per ore presso i nostri tavoli di lavoro, facendo il tifo, e addirittura partecipando alla nostra ansia da prestazione, in modo molto affettuoso e costruttivo...!!

Mi è dispiaciuto non vincere, in questo caso, proprio per il premio: si vinceva un corso di 2 giorni presso la prestigiosa scuola inglese Squires Kitchen, i cui corsi sono il mio chiodo fisso da ben 3 anni... !!
Vabbè sarà per la prossima occasione! ;-)
La vincitrice, invece, alla quale vanno tutti i miei auguri per una carriera sfolgorante in questo settore, è una ragazza in gamba con un marito molto premuroso e simpatico: ha lavorato benissimo, molto organizzata seguendo una tabella di marcia impeccabile! Complimenti!! E un po' di sana invidia per il viaggio che sta intraprendendo...;-)

Ecco qui le foto dei dettagli della mia torta, a voi il responso (aveva anche le ali trasparenti, ma sono cadute e le hanno perse):




 Le foglie tagliate e venate a mano:


Una delle 3 minifatine : l'unica che sono riuscita ad ultimare: in realtà doveva volare e essere posizionata in modo diverso...

7 commenti:

  1. Cara Maria, mi hai fatto venire l'ansia nel sentire le varie peripezie!!
    Modellare un personaggio in effetti richiede una pdz meno morbida di quella per copertura, e le uniche cose che ne hanno risentito sono gli arti del personaggio!!
    Ammiro il tuo coraggio, la tua intraprendenza e sono certa che se il materiale fosse stato adatto il tuo lavoro sarebbe stato impeccabile. Complimenti comunque ed un abbraccio
    Resy

    RispondiElimina
  2. Grazie Resy, sei molto genitle e buona con me..Qualcuno dice che sono sempre la solita dell'ultimo minuto!! Tanti dimenticano che noi tutte, non abbiamo solo le fatine di zucchero a cui badare, ma un ménage familiare e lavorativo che fa qualcosa di più che riempire le giornate!!
    A buon intenditore....;-))

    RispondiElimina
  3. ho seguito con passione tutto il tuo racconto....la tua torta è davvero molto carina, sicuramente con un po' di tempo in più sarebbe stata perfetta!
    sarà per la prossima volta, vedrai che prima o poi il corso sarà tuo!!!
    complimentissimi!
    ciaooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  4. Io trovo che la tua torta sia davvero magnifica!!! Non oso immaginare come saranno state le altre se la tua non ha vinto!!! Davvero, i miei complimenti, è meravigliosa!

    RispondiElimina
  5. Che carine!! Grazie Sgt Pepper, anche se credo che sia stata l'unica occasione che avevo di vincere così "facilmente"!! Ahahah
    Deborah, se vuoi vedere le altre, vai su Zucchero in Testa, il sito e anche su FB, così potrai vedere altre foto. In gara c'era un'indiana, mostruosamente brava sulle extension work, le fa da 17 anni, ma non è stata premiata nella nostra gara, perchè ha preso il primo premio nella gara sez Expo (torte esposte), infatti non c'era gioco con noi...Ci superava alla grande!!

    RispondiElimina
  6. Maria, sono andata a guardarmi le torte che hanno partecipato e se ho ben individuato la torta vincente avevo la sensazione di aver visto già una torta simile, infatti la torta che propone "la mucca sbronza" per il suo corso è molto simile, quindi come originalità la vincente non ne ha avuta molta. Riguardo invece la torta della concorrente indiana è mitica, ma non dimentichiamo che le ex colonie inglesi hanno la tradizione della pasticceria anglosassone, non come noi che l'abbiamo appena conosciuta. L'unica cosa in cui alle volte peccano è l'abbondanza, troppo di tutto, troppi lavori con la ghiaccia, troppi colori, ma il loro gusto è quello.
    Allora Maria ribadisco che per aver creato tutto sul posto sei stata grande!!!!

    RispondiElimina
  7. ciao,
    colgo l'occasione per invitarti al mio giveaway e contest, ci sono tante sezioni in cui partecipare, ti aspetto!grazie paola
    qui trovi il regolamento:
    http://www.polveredizucchero.com/2011/10/giveway-blog-contest-facebook.html

    RispondiElimina